Imposta sulle piattaforme marine, il comunicato del Mef

Imposta sulle piattaforme marine, il comunicato del Mef

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, attraverso un comunicato dello scorso 8 giugno, ha precisato che l’imposta immobiliare sulle piattaforme marine (Impi), istituita dall’articolo 38 del Dl 124/2019, va ancora versata direttamente allo Stato, entro la scadenza del 16 giugno, utilizzando l’aliquota del 10,6 per mille. La motivazione risiede nel fatto che, per ragioni tecniche, non è stato ancora emanato il decreto ministeriale che individua i soggetti attivi d’imposta.

Il comunicato stampa del Mef rappresenta un temporaneo rimedio, ma parziale, perché nel 2021 oltre al versamento da fare ai Comuni i soggetti passivi dell’Impi devono anche presentare la relativa dichiarazione, entro il 30 giugno 2021, con riferimento all’Impi 2020.

L’obbligo di presentazione della dichiarazione deriva dalla circostanza che gli elementi che influiscono sull’ammontare dell’imposta dovuta non sono noti ai Comuni, ai quali spettano, tra l’altro, le attività di accertamento, non solo sulla quota comunale, ma anche sulla quota statale, con diritto a trattenersi imposta, sanzioni ed interessi, esattamente come avviene per l’Imu con riferimento ai fabbricati di categoria catastale D.