Imposta sulla Pubblicità: se i carrelli escono “dai confini” l’Imposta si paga

Imposta sulla Pubblicità: se i carrelli escono “dai confini” l’Imposta si paga

Pagano l’Imposta di Pubblicità i messaggi pubblicitari apposti sui pannelli che reclamizzano i prodotti in vendita se i carrelli della spesa circolano anche all’esterno del supermercato. A stabilirlo è la Corte di cassazione con la sentenza n. 10095/2021.

Per i Giudici l’esenzione non opera nel caso in cui il messaggio pubblicitario sia collocato su carrelli non destinati a essere utilizzati solo all’interno dei locali del supermercato dove si commercializzano i beni pubblicizzati, ma circolanti anche all’esterno dei locali soprattutto nelle aree interne del centro commerciale e nel parcheggio di pertinenza dello stesso e non al servizio esclusivo del supermercato.

Un avviso di accertamento per il pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità veniva impugnato dal contribuente che sosteneva di aver diritto all’esenzione poiché i messaggi pubblicitari apposti sui pannelli dei carrelli reclamizzavano prodotti che venivano venduti all’interno del supermercato.

Secondo la Suprema Corte, la ratio della disposizione contenuta nell’art. 17, comma 1, lettera a) del Dlgs n. 507 del 1993 secondo il quale è esente dall’imposta “la pubblicità realizzata all’interno dei locali adibiti alla vendita di beni o alla prestazione di servizi quando si riferisca all’attività negli stessi esercitata…» è da ravvisarsi nell’applicazione dell’esenzione quando l’attività o la vendita del bene pubblicizzate siano esercitate nello stesso locale al cui interno è realizzata la relativa pubblicità. Di conseguenza quindi, ai fini dell’operatività dell’esenzione, il messaggio deve essere percepibile da chi, in quanto già all’interno dei locali, è potenziale acquirente dello specifico bene ivi venduto (o fruitore dello specifico servizio ivi prestato).

L’interpretazione letterale della norma in esame porta dunque a stabilire che l’esenzione dal versamento dell’Imposta di pubblicità, qualora il messaggio pubblicitario venga apposto su carrelli che circolano anche all’esterno dei locali dove gli stessi prodotti pubblicizzati vengono commercializzati, non può trovare applicazione.